L’orgonite: trasformare l’energia negativa in positiva

di Anna Fraddosio Commenta

Abbiamo molto parlato di talismani di protezione e di pietre e cristalli, oggi scopriremo che esistono talismani detti talismani orgonite, strumenti spirituali in grado di convertire l’energia negativa in energia positiva. Vi starete chiedendo come? Esiste un determinato strumento, uno strumento per così dire spirituale che è in grado di assorbire l’energie che siano esse negative o positive e trasformale; ma procediamo con calma.


L’Orgonite è un materiale costituito da una componente organica (resina) con l’aggiunta di metalli e cristalli, il suo nome deriva da “orgone” termine che fu utilizzato da Wilheil Reich per indicare l’energia vitale. Reich riuscì a costruire un apparecchio in grado di accumulare l’energia orgonica e si accorse infatti che strati di materiale metallico e materiale organico riuscivano ad attrarre ed accumulare questa forma di energia. Sulla base di questa scoperta costruì una serie di apparecchi per accumulare energia orgonica. Dalle successive ricerche furono evidenti alcuni effetti benefici sulla salute, sulla cicatrizzazione delle ferite e sopratutto sull’incremento dell’energia vitale. Riuscì anche a dimostrare l’utilità dell’orgone nella guarigione da patologie anche gravi, fino a giungere a rilevare i suoi effetti sulle modificazioni atmosferiche.

Tuttavia è grazie agli studi degli scienziati Don e Carol Croft che l’orgonite fece un passo decisivo e si scoprì che aggiungendo dei cristalli l’orgonite veniva potenziata, Dopo questa sensazionale scoperta Carol Croft, dotata di una forte ricettività a livello sottile, in grado di vedere ad occhio nudo le energie sottili, rilevò che in presenza di orgonite l’aura dell’essere umano si espandeva e questo indicava l’aumento dell’energia vitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>